Numero 4

Trascina il mio corpo sulla sabbia della battaglia,

mischiami tra la polvere arcobaleno,

cosciente che son già in stato immortale.

Ingoia il ferro che ti annacqua la lingua

prima che ti raggiunga il cervello.

 

Abbracciami.

Raffredda la tua pelle lucida e bollente

sulle mie braccia opache e gelide,

scava con le tue labbra salde

dentro le mie tempie piene.

 

Sussurra.

Sussurra perché il pubblico non capisca,

perché i perdenti non lo vengano a sapere,

perché il Re non può sentirti dall’alto del suo trono.

Sussurri perché ti vergogni di non aver rispettato il tempo,

il tempo della mietitura dei pensieri dolci.

Li hai strappati con la polpa ancora acerba

e la buccia dura.

 

Ed è così che si prospetta la fine.

La fine che hai mandato ad aprire,

come l’inizio che hai mandato a chiudere,

come quella testa che hai mandato a rotolare

sulla scalinata di marmo.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s