Numero 13

In una notte ci fu il giorno.
Era quella notte in cui non avevo più paura, in cui il tempo era sempre poco.
Era giorno e le paline giocavano con i numeri mentre io mi portavo lo zaino su un fianco.
Per gli sguardi di una zingara che mi bucavano la borsa, la proteggevo con le mani.

E leggevo i ritorni alla terra, dei vigneti e delle capre.
Avevo disdegnato i miei dittatori quando mi ordinavano di essere libera.
Volevo i boschi, volevo l’autocrazia della foglia morta,
che raggiungendo il suolo crea la sua tomba.

E non immaginavo ci fossero campi da battaglia ancora in vita;
si svelò una calamita che attirava ogni ago del mio epidermide.
Una rinuncia e uno zaino da qualche moneta.
E tutto diventò una cornice senza tela.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s