Numero 17

E c’è il calore di cento palazzi
il sudore della pausa
ed il fumo del principio
Il vetro da cui cola il rosa
e le spine che ti bucano le narici

E c’è un uomo con il suo colore
lo stesso colore aggrappato a un muro
che vuole dimenticare ma non si screpola
che ogni mattina risorge
e dà vita alla sua esistenza
e a quella di chi popola.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s