Numero 26

Come se non corressi da cent’anni.

Come se ci fosse solo sabbia sotto le unghie, sabbia attorno alle palpebre. Come se non sentissi più la sete tanta l’abitudine di affondare in mare.

Come non ci fosse altro rumore che il ronzio, altro gusto che il neutro. Come se non vedessi più luce e colori. Come vivere di apatia.

Prendi un barlume, spalmalo sul petto.

Balla e brucia sotto il sole.

Tendi le mani, allontana le prese.

Solo ora i denti arrivano al midollo.